Dialogo con il medico

L’eiaculazione precoce si affronta con un dialogo aperto – che coinvolge sia l’uomo sia la donna – con il medico. Poche domande aiuteranno a chiarire il problema.

 

Il dialogo con il Medico è il primo passo per aiutare l’uomo e la coppia ad affrontare il problema dell’eiaculazione precoce. Basta una domanda: “Come va la sua vita sessuale?”. Se l’uomo ritiene di essere troppo veloce, poche domande aiuteranno a capire se il problema sia primario (fin dall’inizio della vita sessuale) o acquisito, eventualmente associato ad altri disturbi.1

Nel raccontare la propria storia, il paziente – ma meglio ancora, la coppia – deve indicare:2

  • l’epoca d’insorgenza: questo dato è utile per differenziare una eiaculazione primaria, cioè insorta in concomitanza alla prima esperienza sessuale, o acquisita, ossia dopo un periodo di vita sessuale apparentemente soddisfacente con normali tempi eiaculatori
  • se il problema è costante oppure no: nel primo caso è indipendente da altri fattori, nel secondo (denominato “situazionale”) può dipendere dal partner e da altre circostanze
  • se l’eiaculazione precoce si verifica prima che avvenga la penetrazione vaginale (ante portam) o dopo (intra moenia)
  • se si associa ad altre problematiche della sfera sessuale; per esempio, disfunzione erettile, calo della libido
  • se si associa a un già noto disturbo d’ansia

Il medico presterà attenzione anche a eventuali terapie concomitanti (con particolare attenzione ai farmaci che possono interferire sui tempi eiaculatori), alla presenza di sintomi e/o documentazione di malattie sistemiche croniche (diabete mellito, epatopatie ecc.), a sintomi e/o documentazione di malattie endocrine (ipertiroidismo) e alla presenza di sintomi e/o documentazione di infiammazioni urogenitali (prostatiti, infezioni urinarie).2

In alcuni casi, come quello dell’eiaculazione precoce che si presenta solo in particolari situazioni, può essere richiesto un approccio multidisciplinare (andrologo + psicosessuologo), per aiutare il paziente a comprendere le diverse difficoltà psicologiche-emozionali e venirne fuori.2

 

1. Graziottin A, Jannini EA. Eiaculazione precoce (EP): definizione, diagnosi e terapia. Momento medico ed., 2014.

2. Jannini EA, Nollaioli D, Ciocca G, Limoncin E. Ansia e depressione sono cause o conseguenze dell’eiaculazione precoce? Mediserve Ed., 2015

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

LOCAL STORAGE

Cookie Local Storage per memorizzare dati della sessione di navigazione sul computer dell'utente per velocizzare la navigazione. I dati vengono eliminati al termine della sessione.

Local Storage

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?