eiaculazione precoce

Question & Answer

L’eiaculazione precoce va soprattutto affrontata con un dialogo aperto con il medico. In questa sezione sono raccolte alcune risposte alle domande più frequenti utili a capire a cosa è dovuta l’eiaculazione precoce.

 

  1. Come faccio a sapere se ho l’ eiaculazione precoce? L’eiaculazione precoce consiste in un’eiaculazione che avviene prima che il soggetto lo desideri. Se vuoi un’indicazione “tecnica”, si tratta di un’eiaculazione che avviene entro 3 minuti dalla penetrazione vaginale. Ma è ovviamente difficile cronometrare i tempi esatti in queste circostanze…
  2. A cosa può essere dovuta l’eiaculazione precoce? Le cause possono essere psicologiche (ansia da prestazione) o fisiche (infezioni, assunzione di droghe, patologie endocrinologiche o neurologiche). È un problema risolvibile con l’aiuto di un andrologo e di uno psicosessuologo. Parlane innanzi tutto con il tuo medico, possibilmente in compagnia con la tua partner.
  3. Quando mi devo preoccupare del disturbo dell’eiaculazione precoce? Se l’eiaculazione precoce si presenta occasionalmente non devi preoccuparti. L’eiaculazione è infatti influenzata da tanti fattori contingenti, quali, per esempio, lo stress. Se però il disturbo si ripete o hai comunque dei dubbi, parlane con il tuo medico, possibilmente in compagnia con la tua partner.
  4. È possibile che l’eiaculazione precoce si associ alla difficoltà di erezione? Sì, è possibile. L’eiaculazione precoce può presentarsi come una manifestazione della disfunzione erettile. Va quindi indagato anche questo aspetto, perché, più o meno inconsciamente, l’uomo potrebbe eiaculare presto per nascondere la debolezza dell’erezione. 
  5. Sento molto parlare di eiaculazione precoce, è un problema in aumento? In realtà è un disturbo che esiste da sempre, tuttavia solo negli ultimi decenni viene valutato con più attenzione e si ha minore imbarazzo a parlarne, anche perché esistono nuove ed efficaci soluzioni terapeutiche. Inoltre, negli ultimi anni è cresciuta l’attenzione per il piacere femminile.
  6. L’eiaculazione precoce è un problema solo dell’uomo? In senso fisiologico, sì. Non esiste una situazione equivalente per la donna (anche se in una minoranza di donne si può verificare una sorta di eiaculazione che precede o accompagna l’orgasmo). Tuttavia, in senso più ampio, l’eiaculazione precoce, oltre a essere una condizione medica dell’uomo, priva la donna di un suo diritto alla felicità sessuale e al suo piacere. Questo logora l’intimità della coppia, coinvolgendo tutti gli aspetti della relazione fino alla rottura. Per questo motivo è importante che l’uomo ne parli con la sua partner e insieme si rechino al colloquio con il proprio medico. 
  7. È vero che esiste anche un’eiaculazione femminile? Sì, è vero. Si verifica in alcune donne che, al momento dell’orgasmo o subito prima, espellono del liquido da parte di particolari ghiandole (chiamate ghiandole di Skene o ghiandole parauretrali) poste in prossimità dell’uretra (il canale tra la vescica e l’esterno) che, secondo gli esperti, equivalgono alla prostata dell’uomo. La funzione biologica di questo tipo di eiaculazione femminile è sconosciuta.
  8. L’eiaculazione femminile è un problema? No, è un fatto fisiologico che riguarda una piccola percentuale di donne e non ha alcun significato patologico. Tuttavia, secondo alcuni studi, la maggior parte delle donne ritiene che questo fenomeno sia imbarazzante e che possa disturbare la vita sessuale. Al contrario, molti uomini vedono invece nell’eiaculazione femminile un attestato della loro virilità e delle loro capacità sessuali.
  9. Cos’è l’orgasmo? Brevemente, orgasmo è la massima espressione dell’eccitazione sessuale conseguente alla stimolazione delle zone erogene e degli organi sessuali.
  10. Cosa devo fare se ho difficoltà di erezione? Se il problema si presenta occasionalmente non devi preoccuparti. Come nel caso dell’eiaculazione precoce, anche la difficoltà di erezione (termine medico: disfunzione erettile) può dipendere da tanti fattori, quali un po’ di malessere, stanchezza, stress, mancanza di privacy o scarsa familiarità con una nuova partner. Se però il disturbo si ripete o hai comunque dei dubbi, parlane con il tuo medico, possibilmente in compagnia della tua partner.
  11. È vero che l’alcol mi aiuta se ho problemi di eiaculazione precoce? Non è vero. L’alcol dà un’illusoria sensazione di rallentare il riflesso eiaculatorio, migliorando il controllo solo perché abbassa temporaneamente l’ansia da prestazione e le inibizioni. In realtà l’alcol, a lungo andare, ha un effetto negativo sulla produzione di testosterone e sulle arterie che permettono l’afflusso di sangue al pene, quindi provoca deficit erettile.
  12. È vero che l’alcol mi aiuta se ho difficoltà di erezione? Non è vero. Come già risposto all’analoga domanda sull’eiaculazione precoce, l’alcol sembra che “aiuti” perché abbassa temporaneamente l’ansia da prestazione e le inibizioni. In realtà l’alcol, avendo un effetto vasodilatatore, velocizza la fuoriuscita del sangue dal pene e quindi facilita una più rapida perdita dell’erezione.
  13. Cosa devo fare se non riesco a raggiungere l’orgasmo? In effetti questo è un problema più comune di quanto si pensi. Si può presentare soprattutto nei primi rapporti. A volte può essere dovuto ad alcune patologie o all’assunzione di alcuni farmaci o di droghe. Ma più frequentemente, soprattutto nei più giovani, questo problema è di natura psicologica. Può esserti utile a riguardo un colloquio con il tuo medico che saprà valutare cosa è necessario fare. 
  14. L’eiaculazione precoce può causare problemi nella donna? Sì, l’eiaculazione precoce toglie un diritto al piacere della donna. Ne può conseguire una perdita di desiderio e di orgasmo (termine medico: anorgasmia) nel rapporto, con possibili conseguenze sulla vita di coppia. D’altro canto, parlare insieme di questo aspetto e rivolgersi insieme al medico, può invece rinsaldare il valore della relazione e risolvere più agevolmente questo problema.
  15. È possibile che l’eiaculazione precoce dell’uomo sia dovuta a un problema della donna? Sì, esistono alcuni disturbi femminili che possono favorire l’eiaculazione precoce nell’uomo. In particolare, il vaginismo e la dispareunia. Il vaginismo è un problema psicologico che consiste nella fobia della penetrazione e comporta uno spasmo del muscolo che circonda la vagina. La dispareunia consiste nel dolore all’inizio della penetrazione. Questo disturbo può essere associato ad altri problemi ginecologici, come l’endometriosi o malattie infiammatorie. La paura di provocare dolore può accelerare il riflesso eiaculatorio dell’uomo. Possono influire inoltre sull’eiaculazione precoce anche aspetti caratteriali e comportamentali della donna (aggressività, irritabilità ecc.) che aumentano l’ansia da prestazione, peggiorando la condizione.

 

1. Serefoglu EC, McMahon CG, Waldinger MD, et al. An evidence-based unified definition of lifelong and acquired premature ejaculation: report of the second international society for sexual medicine ad hoc committee for the definition of premature ejaculation. Sex Med 2014;2(2):41-59.

2. Criteri di appropriatezza strutturale, tecnologica e clinica nella prevenzione, diagnosi e cura delle patologie andrologiche. Quaderni del Ministero della Salute. 2012;13.

3. Lotti F et al. Clinical correlates of erectile dysfunction and premature ejaculation in men with couple infertility. J Sex Med 2012; 8:2698-707.

4. Jannini EA, Nollaioli D, Ciocca G, Limoncin E. Ansia e depressione sono cause o conseguenze dell’eiaculazione precoce? Mediserve Ed., 2015

5. Limoncin E, et al. Premature ejaculation results in female sexual distress standardization and validation of a new diagnostic tool sexual distress, the FSDS-R-PE. J Urol 2013;189[5]:1830-1835

6. Graziottin A, Jannini EA. Eiaculazione precoce (EP): definizione, diagnosi e terapia. Momento medico ed., 2014.

7. Porst H, et al. The Premature Ejaculation Prevalence and Attitudes (PEPA) survey: prevalence, comorbidities, and professional help-seeking. Eur Urol 2007;51(3):816-23.

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

LOCAL STORAGE

Cookie Local Storage per memorizzare dati della sessione di navigazione sul computer dell'utente per velocizzare la navigazione. I dati vengono eliminati al termine della sessione.

Local Storage

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?